Benvenuto

Il ruolo del docente è andato evolvendosi nel tempo. Ricordo quando a noi docenti si chiedeva solo di essere dei bravi trasmettitori di conoscenze e dei ferrei selezionatori. Dopo aver spiegato un certo argomento, si passava alla verifica per dividere i nostri studenti in "buoni" e "cattivi". Ora la richiesta nei nostri confronti è radicalmente mutata.

A noi si chiede di sviluppare una professionalità ricca in metodi e strumenti e di osservare i nostri allievi in modo da poter fornire loro ciò che occorre a ciascuno per raggiungere le competenze richieste dalla programmazione. Si badi bene: competenze e non conoscenze! Ci viene chiesto di rendere conto del successo dei nostri allievi e la responsabilità dei loro insuccessi spesso viene fatta ricadere sulle nostre spalle.

E' riflettendo su queste problematiche che negli ultimi anni ho cercato metodi e strumenti che tornassero utili agli allievi e li mettessero in grado di maturare le competenze richieste, anche attraverso percorsi alternativi. Il valore aggiunto che inizialmente non avevo messo in conto è che così facendo gli allievi consolidano le proprie conoscenze basandole su una vera comprensione concettuale e non solo, come spesso accade, su una buona memoria.

Progetti

svolgo-scompongoBuona Matematica a Tutti!

L’Istituto “C. E. Gadda” di Paderno Dugnano, nel quale lavoro da più di 30 anni, vanta una lunga storia di istituto maxisperimentale per la ricerca e la sperimentazione nel campo della didattica. Negli ultimi anni, grazie al lavoro sinergico con i miei allievi e la collaborazione dei miei colleghi, mi è stato possibile mettere a punto degli strumenti didattici per favorire l’apprendimento di alcuni argomenti che occupano un posto di rilievo nella programmazione di matematica.

Avendone potuto testare l’efficacia, è mio desiderio divulgarli e condividerli perché strumenti utili alla trasmissione informale di una disciplina come la matematica che non rientra nelle simpatie della maggior parte degli allievi.

Preoccupata, come tutti, per la disaffezione nei confronti degli studi scientifici e nel contempo rispettosa delle idee e delle convinzioni pedagogiche di ciascun docente, desidero attivare lo scambio di materiali su questo tipo di progettualità riguardante strumenti didattici da utilizzare nella pratica quotidiana dell’insegnamento della matematica per migliorarne l’efficacia.

svolgo-scompongoRubicon River

E' uno strumento pedagogico che attraverso una gara in tre tappe permette di comprendere e memorizzare, ridendo e scherzando, le regole base delle scomposizioni in fattori dei polinomi.

Particolarmente indicato dai 12 ai 16 anni.

Partecipanti: tre, uno dei quali a turno svolge il ruolo di arbitro.

Con quali oggetti: 25 quadrati, 64 cubi uno dei quali funge anche da dado, 10 schede Scompongo, 10 schede Svolgo, 1 clessidra da 5 minuti, 1 libretto delle soluzioni.

Durata: la gara ha termine alla fine del terzo giro, quando tutti e tre i partecipanti hanno svolto il ruolo di arbitro e il primo arbitro ha sfidato tutti e due gli altri concorrenti.

Vince la gara: chi resta col maggior punteggio al termine dei tre giri.

Video esplicativi:

Per maggiori informazioni visita Corsidia e RubiconRiverGame.com.

quaderno-operativoSvolgo o Scompongo i Polinomi - Quaderno Operativo

Nel percorso a ostacoli che caratterizza la progressione nell’apprendimento della matematica, molti sono i momenti critici: la divisione, le tabelline, le potenze, le frazioni, il passaggio dall’uso dei soli numeri all’uso delle lettere, fino ad arrivare ai prodotti notevoli e alle scomposizioni in fattori dei polinomi su cui si arenano anche i migliori allievi.

A2 + B2 +2AB = (A + B)2

Formule come questa ti sembrano astruse e complicate? Niente paura!

Occorre applicare un metodo di studio efficace. Un metodo che permetta di “vedere” i polinomi come oggetti concreti e di manipolarli smontandoli e rimontandoli pezzo per pezzo. Un metodo che agevolando la comprensione e rendendo facile l’apprendimento, permetta di raggiungere le competenze richieste, attraverso percorsi alternativi a quelli tradizionali.

Il metodo qui di seguito proposto suggerisce di tradurre ogni polinomio in altrettante figure geometriche: segmento, quadrato, cubo o altro prisma.

Più difficile a dirsi che a farsi e allora... andiamo a cominciare.

quaderno-operativoCome Quando Fuori Piove - Imparare la Matematica Giocando a Carte

Ho ideato questi 14 giochi di carte, adatti ad allievi del biennio di scuola superiore, per dimostrare agli scettici che la matematica è un gioco.
Certo, come per tutti i giochi, per poterla giocare bisogna conoscerne le regole e a volte si tratta di regole piuttosto complicate, ma che soddisfazione quando si vince!
Per essere “bravi in matematica” bisogna essere dei buoni giocatori: sicuri di sé, combattivi, perseveranti, buoni strateghi, amanti della sfida e sempre pronti a mettersi in gioco.

quaderno-operativoGiochi di Carte Elementari - La matematica è un gioco da bambini

Ordinare da 1 a 10, sommare, sottrarre, dividere, moltiplicare, usare correttamente i segni, attraverso 6 giochi di carte per interiorizzare il concetto di regola matematica come "regola di un gioco", attivare strategie adeguate al contesto matematico, mobilitare l'intuizione e la creatività, incentivare la precisione di calcolo attraverso l'attenzione e la concentrazione richiesti dalle sessioni di gioco.

svolgo-scompongoTra dire e fare ....

Indagine sull’interesse, la partecipazione alle lezioni, l’impegno e l'attivazione di un metodo di studio da parte degli allievi nei confronti della matematica.

Scarica il pdf.

Pubblicazioni

TUTTO SULLE EQUAZIONI metodi, esempi, esercizi

A cosa servono le equazioni?
E’ possibile sapere quante soluzioni ammette un’equazione, prima di risolverla?
Come si risolvono le equazioni?
Queste le domande alle quali trovare risposta leggendo questa pubblicazione, oltre a una collezione di esercizi svolti o da svolgere con le rispettive soluzioni.
Il punto di vista "unificante" di questo lavoro è quello di proporre i principali metodi risolutivi applicabili ai vari tipi di equazioni polinomiali. La panoramica è completata da qualche esempio di equazione non risolvibile con metodi algebrici, di cui è possibile individuare le soluzioni graficamente.

MATEpristem Università Bocconi(link)

Luglio 2014

I vissuti emozionali dei docenti nei confronti dei propri allievi

Eccoci in dirittura di arrivo: con questa ricerca si chiude una trilogia iniziata nel 2008 indagando le emozioni sottese allo studio della matematica e continuata testando il rapporto di attaccamento che si instaura tra allievi e docenti. Questa volta l’attenzione si focalizza sul tipo di accudimento che un docente attiva nei confronti dei propri allievi.

MATEpristem Università Bocconi(link)

Settembre 2013

I vissuti emozionali degli studenti nei confronti dei docenti

Lavoro condotto nel corso di tre anni scolastici intervistando 1156 studenti degli Istituti superiori della provincia di Milano. Lo scopo è stato quello di indagare da un punto di vista didattico e psicologico quali sono gli stati d'animo dei giovani allievi nei confronti del docente di Matematica.

MATEpristem Università Bocconi(link)

Maggio 2013

Le radici a modo nostro

Dialogo tra gli allievi delle classi 2°H Linguistico e 2°T Scientifico dell'IIS "C.E. Gadda" di Paderno Dugnano e i professori Leonardo Sasso e Grazia Pia Trisolini sul tema dei radicali.

Realizzato in collaborazione col Prof. Leonardo Sasso

MATEpristem Università Bocconi(link)

Aprile 2013

Il suono dei numeri

Sulle tracce di Pitagora come guida non solo alla scoperta dei numeri irrazionali, ma anche degli stretti legami tra matematica e musica.

Realizzato con la consulenza musicale del Maestro Luca Cannatà.(link)

Alice Bob - Centro Eleusi Università Bocconi n. 32-33

Dicembre 2013

Il suono dei numeri Razionali

I vissuti emozionali nei confronti della matematica

Per meglio comprendere le difficoltà fra studenti e Matematica, indaghiamo, con alcuni strumenti forniti dalla statistica e dalla psicologia, le emozioni solitamente associate alla trasmissione dei concetti matematici. Fra gli intervistati figura qui un campione non solo di studenti ma rappresentativo di docenti di materie non scientifiche e genitori.

MATE Pristem Bocconi(link)

Maggio 2012

Imparare la Matematica giocando a carte

Il manuale contiene 14 giochi di carte ideati per mostrare agli scettici che la Matematica è un gioco. Certo, come per tutti i giochi, per poterla giocare bisogna conoscerne le regole e a volte si tratta di regole piuttosto complicate, ma che soddisfazione quando si vince! Se l’esercizio riesce o il problema viene risolto si prova una esultanza pari a quella del giocatore che vince sull’avversario; se si sbaglia l’esercizio o non si riesce a trovare la soluzione del problema la delusione e la frustrazione che si provano sono le stesse di quando si perde. Per essere “bravi in Matematica” bisogna essere dei buoni giocatori: sicuri di sé, combattivi, perseveranti, buoni strateghi, amanti della sfida e sempre pronti a mettersi in gioco. La Matematica non è adatta a tipi che non amano mettersi alla prova, che alla prima difficoltà gettano la spugna e che non sanno perdere con stile perché non accettano una sconfitta anche solo momentanea. Nella pratica ho potuto constatare che questi giochi aiutano gli allievi in difficoltà a recuperare un rapporto più sereno con la matematica e a comprendere il significato di regole che con i metodi tradizionali non riuscivano a decodificare. Perché la matematica è una delle discipline nella quale gli allievi incontrano maggiori difficoltà e neanche corsi di recupero e lezioni private sortiscono l’effetto voluto, anzi creano nell’allievo ancor più disgusto e disamore. Spesso né i genitori, né gli stessi insegnanti riescono a far superare ai ragazzi l’avversione nei confronti dei numeri, per non parlare poi dell’ulteriore difficoltà costituita dall’introduzione delle lettere e delle incognite. Poter giocare con le regole matematiche aiuta l’allievo a superare il blocco psicologico che alle volte gli impedisce di comprendere; abbassa l’ansia da prestazione e permette all’allievo di toccare con mano, manipolare, afferrare gli enti matematici che in forma astratta gli sfuggono.

IRRE Lombardia

Aprile 2005

Diario della Borsa di Ricerca

Rassegna Stampa

Il Notiziario - 17 Gennaio 2014

Il Notiziario - 17 Gennaio 2014

Giovane Studente di Matematica

Il Bo - 13 Settembre 2013

Il Notiziario - 3 Maggio 2013

Il Notiziario - 3 Maggio 2013

Il Giorno - 20 Aprile 2013

Il Giorno - 20 Aprile 2013

Il Notiziario - 15 Marzo 2013

Il Notiziario - 15 Marzo 2013

Il Notiziario - 22 Febbraio 2013

Il Notiziario - 22 Febbraio 2013

Il Giorno - 4 Novembre 2011

Il Giorno - 4 Novembre 2011

Contatti

Puoi chiedere l'invio gratuito dei file relativi ai Giochi di Carte e al Quaderno Operativo bilingue Italiano-Inglese oppure Italiano-Francese, contattandomi all'indirizzo email Grazia Trisolini email.

Per maggiori informazioni sul Kit Rubicon River per giocare a Svolgo o Scompongo visita RubiconRiverGame.com.